Librare

Posted on Posted in Progetti

Che fine hanno fatto i libri? In che modo si “muovono” per la città e come vengono conservati?
C’è ancora spazio per i libri e la lettura nell’era delle tecnologie digitali?
I libri, proprio quelli di carta, possono restare libri tradizionali ma diventare anche strumenti digitali?
Qual è il destino dei libri nelle biblioteche più sconosciute come quelle scolastiche?

LIBRARE ha ricostruito i percorsi e i luoghi dei libri, mappando e condividendo le biblioteche “informali” della città: librerie private, centri di book-crossing e soprattutto le biblioteche scolastiche, insieme a insegnanti, studenti e studentesse impegnati a valorizzare il legame culturale tra libri e tecnologia.

Il progetto “Librare” ha provato a trasformare i libri – intesi come singoli volumi cartacei – in oggetti virtuali nel modello dell’ ”Internet of Things”, di cui è possibile tracciare la vita e gli spostamenti tramite un sensore applicato sui libri e delle app per mobile, raccogliendo le informazioni inserite dagli utenti secondo il modello dell’”Internet of Persons”.
FirstLife, in qualità di piattaforma web per la creazione di mappe collaborative, ha sviluppato una verticalizzazione ad hoc per LIBRARE, sviluppata su più layer che permettono di:
1. rappresentare le informazioni degli utenti sulla base del gruppo-classe di appartenenza e interagire sulla piattaforma per condividere contenuti tra compagni di classe;
2. conoscere l’ubicazione attuale dei libri e i loro movimenti nella città (dashboard layer);
3. visualizzare la storia di un libro come parte attiva all’interno della rete (es. ‘sono stato letto da…’ o ‘questa storia è simile a quella del libro…’);
4. organizzare tutte le informazioni georeferenziate riguardanti un libro o un autore, creando dei “viaggi virtuali” durante la narrazione.

 

PROPONENTE

Il progetto Librare è stato finanziato attraverso il Bando regionale a sostegno di progetti di ricerca industriale e/o sviluppo sperimentale di applicazioni integrate e innovative per l’Internet of data – IoD., nell’ambito del POR FESR 2007/2013 della Regione Piemonte con il concorso di risorse comunitarie del FESR, dello Stato Italiano e della Regione Piemonte.

 

PARTNER

  • Trim Software Technologies
  • Celi
  • Ulixe Group
  • Università degli studi di Torino, Dipartimento di Informatica
  • CSP innovazione nelle ICT

Collaborazioni:

  • TorinoReteLibri
  • Libreria Trebisonda

 

A CHI SI RIVOLGE

Il progetto è rivolto alle classi di studenti e studentesse delle scuole di ogni ordine e grado e a tutti i soggetti operanti in progetti socio culturali che abbiano come tema preponderante i libri, l’editoria e il social reading.
Hanno partecipato alla sperimentazione gli insegnanti, i ragazzi e le ragazze delle scuole di Torino (e non solo) dei seguenti istituti:
Scuola primaria Kennedy, Torino IIS Giulio, IISS Romero Rivoli (TO), Liceo Massimo D’Azeglio Torino, IIS Levi Arduino Torino, IIS Bosso Monti Torino, Convitto nazionale Umberto I Torino, I.C. di Felino Parma, IC Parco della Vittoria Roma, IIS Dalla Chiesa Sesto Calende (VA), Istituto Bottardi Roma, Istituto Comprensivo Darsena Viareggio, Istituto Comprensivo Statale Monteodorisio (CH), Istituto Olivetti Monza, Istituto Omodeo Mortara (PV), ITET Einaudi Bassano del Grappa (VI), ITIS Fermi Mantova, ITT Buonarroti Trento, Liceo Ovidio Sulmona (AQ), Liceo Rosmini, Rovereto (TN), Liceo Giacomo Ulivi, Parma, Liceo U. Dini Pisa, Liceo Fermi Monticelli Brindisi, Liceo Valentini, Castrolibero (CS), Liceo Siani, Casalnuovo di Napoli (NA), IIS Margherita di Savoia Roma, Scuola Madre Mazzarello Torino, IIS Paritario Adorazione Cadorna Torino, Scuola Giulia Falletti di Barolo Torino, Papa Giovanni XXIII Marene (CN).

 

OBIETTIVI DI PROGETTO

  • Raccogliere dati geo-localizzati sugli spostamenti dei libri presenti nelle biblioteche scolastiche informali, così da sovrapporre alla mappa della rete libraria informale realizzata su FirstLife una mappa delle abitudini dei giovani lettori.
  • Trasformare luoghi e libri in attori sociali intelligenti, favorendo l’integrazione tra le attività che avvengono nel web e fuori dalla scuola (come le iniziative di social reading o il book crossing).
  • Aumentare la consapevolezza sugli strumenti digitali sia tra insegnanti che tra studenti per creare differenti percorsi di lettura, analisi del testo letterario più creative e coinvolgenti, ed ancora esplorazioni di testi personalizzate.

OBIETTIVI SPECIFICI DI FIRSTLIFE

  • Raccogliere input sulle specifiche per la progettazione delle entità “gruppi” su FirstLife.
  • Risolvere le problematiche relative alla gestione dei permessi e della sicurezza dei dati.
  • Integrare i dati rilevati attraverso la sensoristica associata ai libri sulla piattaforma di FirstLife.
  • Elaborare soluzioni per tracciare automaticamente le attività degli utenti delle app Librare e Librando e rappresentarle su mappa.

 

COSA E’ STATO FATTO?

Il gruppo di ricerca “Social Computing” ha creato una verticalizzazione ad hoc di First Life per fornire uno strumento che insieme a Cbook (sviluppati da Celi) rispondesse alle esigenze del progetto di mappare e geo referenziare le biblioteche “Informali” della città, di “seguire” i viaggi dei libri e le biblioteche scolastiche.

Sono state progettate due applicazioni per mobile, Librare e Librando, la prima dedicata agli insegnanti per la registrazione e l’identificazione dei libri presenti in una biblioteca/libreria, la seconda dedicata agli studenti per condividere le proprie impressioni e commenti sui libri.

Sono stati organizzati da CSP dei Living Labs di lettura in cui cittadini, studenti e insegnanti hanno collaborato alla definizione delle esigenze e alla sperimentazione dei sistemi progettati per LIBRARE.

 

 

RISULTATI

I dati raccolti sono stati organizzati in modo aggregato e anonimo sulla Smart Data Platform (SDP), la piattaforma della Regione Piemonte per la gestione dei dati open.

L’utilizzo di Firstlife ha permesso la mappatura di biblioteche scolastiche e di altre strutture legate ai libri valorizzando un nuovo ruolo dei libri e della lettura più sociale e aperto alla città.

 

DURATA DEL PROGETTO

Ottobre 2014 – Ottobre 2015

 

 

Visita il sito del progetto